In questo articolo si parla di:

In occasione dei Bike Days (leggi qui), svoltisi dal 7 al 9 luglio a Ponte di Legno-Tonale, abbiamo incontrato e pedalato con la campionessa olimpica, Paola Pezzo. Durante l’escursione abbiamo avuto l’onore di conoscerla meglio e fare quattro chiacchiere, quasi come “vecchie” amiche. Il risultato dei nostri “pettegolezzi” è il seguente:

Quando correvi la presenza femminile nell’xc e nella mtb in generale era davvero irrisoria, ma anche in seguito alle tue vittorie e al personaggio che ancora oggi rappresenti qualcosa è cambiato, vero Paola?

“Forse le donne non praticavano mountain bike credendo, erroneamente, che questo sport faccia venire le gambe grosse, ma non è così. Si tratta di uno sport sano, che fa bene a corpo e mente, adatto a tutti, uomini e donne indifferentemente. La mountain bike permette di mantenersi in forma e il contatto con la natura è davvero un toccasana”.

Il gruppo di biker che ha partecipato all’escursione con Paola Pezzo sabato 7 luglio

Certo, forse non farà venire le gambe grosse, ma non possiamo nascondere che, forse, qualche cicatrice, per una vera biker, è d’obbligo! Pensi che sia davvero uno sport alla portata di tutti?

“Certo, con l’avvento delle ebike è divenuto uno sport democratico al cento per cento, anche i meno allenati possono raggiungere vette inaspettate e trascorrere un po’ di tempo insieme agli amici con uno sforzo adeguato al loro fisico e al loro allenamento”.

L’intervista completa a Paola Pezzo sarà pubblicata sul prossimo numero di Bike4Trade nella nostra rubrica dedicata alle donne: Bike4Women