In questo articolo si parla di:

La serata di Milano ha visto brillare un parterre di stelle dello sport riunite in occasione della terza edizione dei Beat Yesterday Awards, i premi istituiti da Garmin Italia per celebrare chi ha fatto dello sport la propria sfida quotidiana, superando i propri limiti giorno dopo giorno, nel vero spirito della filosofia #beatyesterday. La serata è stata magistralmente condotta da Andrea Berton e Monica Bertini e ha visto la presenza straordinaria di Paolo Condò, Daniele Massaro, Riccardo Magrini e Justine Mattera.

Una Snowboarder per rompere il ghiaccio

A “rompere il ghiaccio” ci ha pensato Michela Moioli: la medaglia d’oro olimpica di Pyeongchang nello snowboard cross si è aggiudicata il premio Winter Sport, consegnatole da Simone Moro, e salendo sul palco ha dichiarato: «Il 2018 è stato magico, ho raggiunto risultati incredibili non solo in pista. Mi piace l’idea di poter essere un punto di riferimento per le ragazze della mia età appassionate di sport. Adesso però non vedo l’ora di iniziare il 2019, la neve ha un richiamo irresistibile».

Protagoniste anche le due ruote

La cerimonia dei Beat Yesterday Awards 2018 è proseguita con la consegna da parte di Alessandro Ballan del premio Cycling. Questo riconoscimento che racconta dell’amore per la bicicletta è stato assegnato a Federico Damiani che, per celebrare il ventennale dalla storica doppietta Giro-Tour di Marco Pantani nel 1998, ha ripetuto per 13 volte la celebre salita di Oropa, coprendo il dislivello dell’Everest (8.848 metri) con la sua bicicletta, il tutto in un unico giorno. Le emozioni del Garmin Gala si sono susseguite veloci e travolgenti, come l’impresa che si è aggiudicata il Best Contest e che nel 2018 è stata compiuta da Giulia Ruffato: l’atleta di handbike, grazie a Obiettivo 3, il progetto ideato da Alex Zanardi per uno sport senza barriere, nel 2018 ha iniziato il suo percorso di allenamenti con un unico, grande, obiettivo: le Paralimpiadi di Tokyo 2020.

 

A conclusione di una serata che ha voluto celebrare lo sport, Stefano Viganò, amministratore delegato di Garmin Italia, ha dichiarato dal palco «Siamo molto orgogliosi dei Beat Yesterday Awards perché rappresentano in modo tanto semplice quanto diretto lo spirito con il quale Garmin vive lo sport ogni giorno. Le “imprese” sono per pochi fortunati, ma lo sport è per tutti e di tutti, e ognuno di noi può ambire a migliorarsi continuamente, per raggiungere piccoli e grandi obiettivi. I Beat Yesterday Awards sono il nostro slogan per una quotidianità sportiva».

garmin.com