In questo articolo si parla di:

Una chiusura in grande stile, con un’ottima risposta del pubblico, quella di TOF, Travel Outdoor Fest, l’unico evento business to consumer (B2C) in Italia, dedicato al turismo in libertà e a tutto ciò che occorre per una vacanza indimenticabile. Rispetto alle giornate precedenti, c’è stata una conferma di interesse per la presenza di Marco Aurelio Fontana, che ha nuovamente testato in prima persona le attività outdoor più disparate, oltre che presenziare alle premiazioni degli atleti delle 12 categorie giovanili che hanno gareggiato sulla pista in terra battuta, ma c’è stata anche grande curiosità per ascoltare il commissario tecnico della nazionale di ciclismo professionistico, Davide Cassani che, appena rientrato da un viaggio in Spagna, ha tenuto una conferenza per presentare il proprio libro dal titolo Le salite più belle d’Italia.

Per me la bici è vita. Riesce a darmi sempre tantissimo. Con Beppe Conti abbiamo pensato a un libro sulle salite scegliendone 15 che secondo noi sono le migliori d’Italia. Lui le ha commentate con aneddoti sulla storia del ciclismo. Mentre io sono salito in sella vivendo tutte le emozioni, pensieri e sensazioni che ci possono essere mentre pedali su di una salita. Ho tolto il numero dalla schiena e ho vissuto questa esperienza come un uomo innamorato del ciclismo. Poi mi sono messo davanti al computer e ho scritto. Perché le salite? Perché sono l’essenza del ciclismo. E il ciclismo è e continua a essere lo sport di tutti. Al passaggio del Giro d’Italia ci si entusiasma per le grandi imprese che gli atleti sono capaci di mettere a segno e anche per tutto il contesto: lo spettatore che sceglie di andare a vedere una tappa del Giro d’Italia sceglie una giornata tra amici. Sarà così per l’edizione 2019 del Giro d’Italia nel corso della l’Emila sarà il territorio protagonista. La salita più dura per me? Lo Zoncolan, senza dubbio!

Il CT, che per la chiusura del suo intervento è stato raggiunto da Marco Aurelio Fontana e Chiara Teocchi, campionessa europea di staffetta della mountain bike, ha evidenziato poi la metafora tra ciclismo e vita: “Quando sei in bici e fai fatica ad arrivare in cima a una salita, una volta raggiunta ti godi il paesaggio in vetta e anche la discesa. È come nella vita: raggiungere un obiettivo attraversando la fatica, rende la conquista ancora più bella!

traveloutdoorfest.it