In questo articolo si parla di:

Nei giorni che hanno preceduto la Parigi-Roubaix, i tecnici di HiRide hanno presentato le sospensioni elettroniche eSAS anteriore e posteriore per bici da corsa, il primo sistema al mondo “full suspended” a controllo elettronico per biciclette da strada e gravel.

Alcune biciclette equipaggiate con il sistema eSAS sono state, quindi, utilizzate durante il weekend della Parigi-Roubaix sul mitico pavé della foresta di Arenberg anche da opinion leader e giornalisti della stampa internazionale, oltre che da alcuni professionisti durante la massacrante competizione, non a caso denominata l’ “Inferno del Nord”.

In particolare, sul pavé delle strade francesi, è stato utilizzato il sistema eSAS che adatta automaticamente e in tempo reale il proprio comportamento, facendo sì che la sospensione assorba le variazioni del terreno sconnesso, garantendo una risposta “rigida” quando si pedala su asfalto liscio, e allo stesso tempo maggiore stabilità e comfort quando si viaggia su terreni accidentati.

sistema eSAS

Questo è l’obiettivo del sistema eSAS che, analizzando le condizioni del terreno e le vibrazioni del telaio in tempo reale, adatta in maniera automatica il comportamento delle sospensioni, rendendo il telaio più rigido o più flessibile. Il sistema è composto da due sospensioni elettro-idrauliche comandate da una unità di controllo munita di accelerometri e giroscopi. Elaborando i dati provenienti dai sensori, i sofisticati algoritmi sviluppati dagli ingegneri di HiRide controllano le sospensioni per garantire al ciclista rigidezza e flessibilità del telaio quando ne ha bisogno. eSAS, inoltre, è dotato di un’ interfaccia che consente al ciclista di interagire con il sistema e di un modulo Bluetooth e ANT+ per la comunicazione con smartphone e ciclo computer.

“Dopo l’esordio della sospensione posteriore nel 2017, siamo estremamente soddisfatti del sistema di sospensioni anteriori e posteriori eSAS, la cui affidabilità e performance è stata certificata dall’utilizzo in gara da parte dei professionisti, che hanno scelto di utilizzarlo in condizioni estreme durante la Parigi-Roubaix di domenica scorsa. – commenta Domenico Borgese, Chief Technology di HiRideIl sistema migliora la stabilità e le performance della bici, garantendo un livello di comfort ottimale ed è una soluzione destinata a diventare un must per ogni appassionato ciclista amatoriale che pedala per migliaia di chilometri ogni anno”.

HiRide, azienda milanese nata nella fabbrica di imprese e-Novia, è attiva nel comparto delle sospensioni elettroniche dedicate al mondo del ciclismo.

hiride.bike