In questo articolo si parla di:

Columbus Continuum procede nell’esplorazione del carattere eclettico della centenaria Columbus, proponendo dal 20 novembre 2019 al 15 gennaio 2020, sempre negli spazi della Galleria Antonio Colombo Arte Contemporanea, una nuova mostra, dal titolo:

Anima d’acciaio: Columbus e il design della bicicletta.

L’esposizione seleziona alcune serie tubi Columbus (gli otto o undici tubi che compongono il telaio di una bicicletta), con il loro carattere speciale:

Aelle, Sl, Air, Slx, Max,Genius,Hyperion, Or, Xlr8r, Starship, Xcr, Spirit Hss e Cento, serie celebrativa del Centenario, a tracciare un ideale percorso dell’innovazione tecnologica degli ultimi cento anni del settore. Individua così il contributo cruciale che l’azienda ha dato all’evoluzione della bicicletta, aprendo inedite possibilità in termini di materiale, leggerezza, progettazione, design e realizzazione. A partire, a titolo d’esempio, da i primi tubi rinforzati a spessore variabile in acciaio cromo molibdeno nella storia del ciclismo e i primi bracci di forcella ellittici lavorati a freddo.

Nella disanima, un’ampia sezione della mostra non manca di esporre le realizzazioni compiute delle innovative serie tubi: le biciclette che hanno visto trionfare gran di squadre e campioni del calibro di Coppi, Bartali, Anquetil, Ole Ritter, Gimondi, Merckx, De Vlaeminck, Moser, Pantani, Hampsten, Argentin, Dan Craven in ogni ambito e competizione, dai Record dell’ora alle grandi Classiche e Monumento. Le racconta da un’inedita prospettiva, recentemente offerta da studi e ritrovamenti nel costituendo Archivio Storico Columbus (vera opera aperta che darà vita a un corpus unico negli archivi della storia d’impresa), attraverso frammenti di storie, oggetti, comunicati, cataloghi, pubblicità, letteratura grigia, maglie, cappellini, copialettere e curiosi aneddoti, ponendo interrogativi talora rimasti aperti anche per gli stessi curatori.

L’altra sezione dell’esposizione ospita i pezzi “fuori concorso”: biciclette, telai, machinerie, strumenti di lavoro e oggetti celebrativi ed evocativi, naturale compendio della prima sezione, a sintetizzare in un racconto e fisicamente in un quadro corale, la celebrazione dei primi cent’anni di un’industria metallurgica milanese, come recita il sottotitolo dell’intero ciclo. Ambizione di questa seconda mostra della rassegna Columbus Continuum è svelare come l’anima d’acciaio speciale (e centenario) di Columbus attraversi metaforicamente ma anche fisicamente la storia del ciclismo unitamente alla storia dell’impresa, d’Italia, e finanche del mondo: nei mezzi, nel pensiero e nelle produzioni.Un ringraziamento particolare va agli enti, alle istituzioni museali, alle aziende, ai privati e agli amici più in generale di Columbus che hanno contribuito con passione, generosità e competenza alla composizione di questa mostra.

colomboarte.com

columbustubi.com