In questo articolo si parla di:

Nel mondo si continua a investire nell’economia legata al settore bike, non solo con incentivi e sgravi fiscali, ma anche in infrastrutture a sostegno dell’innovazione. Sono stati infatti concordati termini tra il governo scozzese e il Regno Unito per  un investimento di 19 milioni di sterline in un nuovo “Centro di innovazione” per la mountain bike per la Scozia.

La conferma dei finanziamenti per lo sviluppo di Innerleithen, centro molto importante per le ruote grasse nel nord del Regno Unito, è un’altro importante tassello nel puzzle del cicloturismo scozzese, che, secondo una stima conservativa, vale £ 100 milioni di sterline all’anno per il solo ciclismo su strada.

Ciò che si sa è che £ 13 milioni saranno attribuiti alla costruzione del Centro per l’innovazione mtb e £ 6 milioni pagheranno il conto per la costruzione di un parcheggio per biciclette. L’investimento fa parte di un più ampio progetto di crescita che vale quasi 400 milioni di sterline.

Un luogo dove nasceranno le mtb del futuro

Per le aziende che si occupano di mountain bike nel Regno Unito, la notizie è di quelle importanti, non solo per la creazione di nuovi posti di lavoro, ma per i molteplici usi della struttura in progetto; compresa la capacità di sviluppare i prototipi in un ‘”incubatore” in cui trarranno vantaggio dalle conoscenze accademiche delle Università di Edimburgo Napier e Strathclyde, nonché da strutture per i test. Sono state anche pubblicizzate opportunità per la produzione su piccola scala. Si prevede che il progetto potrebbe essere completato nel 2023.

Il segretario scozzese David Mundell ha dichiarato: “L’accordo ha fatto enormi progressi negli ultimi 18 mesi. Vorrei ringraziare le cinque autorità locali che hanno lavorato così bene insieme con i governi britannico e scozzese, per raggiungere questo obiettivo. Si tratta di un approccio ambizioso al lavoro che promuoverà la crescita economica aiutando le imprese esistenti, incoraggiando nuove iniziative e apportando numerosi miglioramenti alle persone che vivono e lavorano nella zona e ai visitatori“.